Loading posts...

La Francia domina la prima giornata del Monster Supercross di Ginevra

Il tricolore francese sventola per due volte nel venerdì sera del Monster Supercross di GinevraMarvin Musquin e Nicolas Dercourt conquistano i main event delle categorie SX1 e SX2 nella prima giornata di gare. Sui 3000 metri cubi di terra del Palexpo, tra spettacoli di luci e di freestyle, il vero show lo mettono in pista i due francesi che, uno con una conduzione di gara magistrale, l’altro con una rimonta incredibile (e anche un po’ fortunata), sbaragliano la concorrenza.

Vincitore delle tre prove di off-season fin qui disputate, Musquin era l’uomo più atteso, nonché il pilota da battere. Impresa che, però, non è riuscita ai suoi avversari. Dopo aver dominato la manche di qualifica distanziando di quasi mezzo giro il secondo piazzato, Adrien Escoffier, il francese non è partito alla grande in finale e ha dovuto sgomitare con Jason Anderson nelle fasi iniziali prima di andare in fuga. Tra i due è stata battaglia vera per tre giri, poi Musquin ha allunga e solo un suo errore nella parte conclusiva ha rischiato di metterne in discussione la vittoria. Successo che il pilota KTM ha comunque ottenuto affrontando brillantemente una lunga e complicata serie di doppiaggi, a 30 secondi dal termine, che ha invece rallentato Anderson.

Secondo nella batteria di qualificazione, alle spalle dello svizzero Killian Auberson, nella finale della SX2 Dercourt ha vinto all’ultimo giro completando quella rimonta che in semifinale aveva solo sfiorato. Dopo una partenza brutta (quarto a fine primo giro) e una prima fase di gara ancora peggiore, il francese ha recuperato tantissimo terreno nella parte finale superando Auberson e portandosi a ridosso del connazionale Thomas Do. A gara quasi conclusa, Do ha sbagliato una curva raccogliendo con la ruota posteriore il telone di una protezione a bordo pista, cosa che lo ha rallentato di circa tre secondi al giro. Approfittando di questo errore Dercourt ha annullato il distacco e, all’ultimo passaggio sugli whoops, ha superato il connazionale tagliando per primo il traguardo.

                                                                                                                                                                                      Nicola Petricca

Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites